Bilancio - Dati Fondamentali Poste Italiane

Company name:Poste Italiane
Description:
Poste Italiane è stata costituita come amministrazione autonoma del Regno d’Italia nel 1925, mentre nel 1994 ha assunto la forma di ente pubblico economico con la denominazione Ente Poste Italiane che il 28 febbraio 1998 è stato trasformato nell’attuale Poste Italiane SpA. Nel 1999 sono state costituite la Divisione BancoPosta e Poste Vita (successivamente nel 2010 la controllata Poste Assicura specializzata nei Rami Danni), e nel 2007 l’operatore mobile virtuale di telefonia Poste Mobile. Oggi Poste Italiane offre servizi di corrispondenza e pacchi attraverso la propria piattaforma distributiva che contava, al 31/03/2021, 12.766 uffici postali e 30.510 portalettere tra personale stabile e flessibile. Poste Italiane è l’operatore postale a cui è demandato in esclusiva il Servizio Postale Universale in Italia che è stato rinnovato dalle autorità competenti per 15 anni a partire da aprile 2011 per la consegna di corrispondenza e pacchi a tutti i residenti in Italia. Offre inoltre servizi finanziari tramite il patrimonio destinato BancoPosta che è soggetto alla vigilanza della Banca d’Italia e della CONSOB. I servizi assicurativi vengono offerti tramite le società Poste Vita e Poste Assicura, rispettivamente specializzate la prima in polizze vita, prodotti di risparmio e di investimento, e previdenza integrativa, e la seconda in polizze danni dedicate alla protezione della persona e dei beni o finalizzate alla protezione su infortuni e salute, casa, altri danni ai beni. Per il servizio di collocamento polizze BancoPosta percepisce una commissione di collocamento che per i prodotti tradizionali dipende solo dall’ammontare del premio, mentre per i piani pensionistici è in funzione anche dell’ammontare della polizza. Vi sono infine i servizi di comunicazione mobile tramite l’operatore virtuale (MVNO) Poste Mobile.
CEO:Matteo Del FanteWWW Address:www.posteitaliane.it
Chairman:Maria Bianca FarinaTelephone:06 59581
Address:Viale Europa, 190Fax:06 59589100
Stadt:RomaEmail:investor.relations@posteitaliane.it
land:ItaliaISIN:IT0003796171
Postleitzahl:00144
 Price Price Change [%] Bid Offer Volume Hoch Low
 12,485 -0,025 [-0,2%] 12,495 12,5 1.104.277 12,57 12,47
 Eröffn. Prev. Close Market Cap. Shares In Issue VWAP ROE (%) 52-Wks-Range
 12,545 12,51 16.306.783.350 1.306.110.000 12,51 10,49 6,92-12,59
(at previous day's close)
Yesterday's Close12,51
Market Cap.16.339.436.100
Shares In Issue1.306.110.000
Preferred Shares in issue-
Nonvoting Shares in issue-
Convertible Shares in issue-
Sample PeriodHochLow
1 Woche12,5912,21
4 Wochen12,5911,70
12 Wochen12,5911,06
1 Jahr12,596,92
3 Jahre12,595,99
5 Jahre12,595,48

30/6/202130/6/202031/12/202031/12/2019
Sales and Services Revenue5.744.0005.083.00030.019.00032.760.000
EBITDA1.467.0001.161.0002.224.0002.548.000
EBIT1.049.000766.0001.524.0001.774.000
Group Result772.000546.0001.207.0001.342.000
Net Result773.000546.0001.206.0001.342.000
Cash Flow----
Total Net Assets12.505.0008.874.00011.507.0009.698.000
Net Financial Position5.671.0003.141.0006.820.0005.667.000
RISULTATI AL 30 GIUGNO 2021 - Risultati decisamente positivi per Poste Italiane nel primo semestre 2021.
I ricavi netti della gestione ordinaria sono infatti saliti del 13% a 5.744 milioni, e sono stati trainati dal comparto Corrispondenza, pacchi e distribuzione (+24% a 1.826 milioni, grazie all’incremento dei ricavi da Corrispondenza dovuto al recupero dei volumi e al consolidamento di Nexive, nonché alla crescita rilevante dei ricavi nel comparto B2C dei Pacchi).
I ricavi netti da Servizi Finanziari sono diminuiti dell’1,3% a 2.409 milioni per effetto di minori proventi dagli impieghi della raccolta su conti correnti postali e delle disponibilità libere e minori ricavi derivanti dalle commissioni su bollettini di c/c postale e dall’attività di raccolta del risparmio postale; tale andamento però è stato quasi compensato dai ricavi da distribuzione dei prodotti di investimento.
Il totale delle masse gestite ha raggiunto 576 miliardi, in aumento di 7 miliardi rispetto a fine 2020, ed in linea con gli obiettivi per il 2021.
Balzo del 42,1%, a 1.050 milioni, per i ricavi dei servizi assicurativi.
I Premi lordi Vita sono infatti saliti del 33% a 10.167 milioni, con una significativa contribuzione dei prodotti Multiramo, e inoltre i proventi derivanti da operatività assicurativa sono balzati del 41,8% a 2.211 milioni, incremento in larga parte ascrivibile all’aumento degli Utili da valutazione da strumenti finanziari al FVTPL rispetto a quanto rilevato nel primo semestre 2020, particolarmente condizionato dagli effetti derivanti dall’iniziale diffusione della pandemia.
Tali utili da valutazione, connessi pressoché interamente agli investimenti inclusi nelle gestioni separate, sono stati quasi interamente retrocessi agli assicurati mediante il meccanismo dello shadow accounting.
Analogamente gli oneri derivanti da operatività assicurativa sono scesi ben del 75,1% a 212 milioni per effetto di minori perdite da valutazione rispetto al primo semestre 2020, particolarmente condizionato dagli effetti derivanti dall’iniziale diffusione della pandemia.
I ricavi da pagamenti e mobile sono saliti del 18,4% a 399 milioni, spinti dai pagamenti con carta.
I costi per consumi di materie prime, poco rilevanti, sono diminuiti dell’8,6% a 74 milioni, mentre il costo del lavoro è salito del 2,6%, passando da 2.619 a 2.686 milioni, pur in presenza di un numero medio di dipendenti passato da 118.206 a 113.488 unità.
Ciò in quanto il primo semestre 2020 era stato contraddistinto da risparmi correlati all’emergenza sanitaria (Fondo di Solidarietà, minori costi per incentivazione manageriale MBO e commerciale della forza vendita, e altre indennità varie quali ad esempio straordinari e notturni per la ridotta attività svolta durante il lockdown).
Balzo del 25,7%, a 1.291 milioni, per i costi per servizi, soprattutto per maggiori costi di trasporto corrispondenza, pacchi e modulistica.
Gli altri costi operativi sono poi balzati del 55,1% a 183 milioni.
In ogni caso l’ebitda è passato da 1.161 a 1.467 milioni (+26,4%); gli ammortamenti sono saliti da 355 a 406 milioni (per maggiori ammortamenti di attività immateriali a seguito degli investimenti sostenuti), mentre gli accantonamenti per rischi e oneri si sono dimezzati da 16 a 8 milioni e le svalutazioni (per lo più su crediti commerciali) sono passate da 56 a 20 milioni.
Così l’ebit è balzato da 766 a 1.049 milioni (+36,9%).
Il saldo positivo della gestione finanziaria, poco influente, è però salito da 7 a 38 milioni; al 30/6/2021 la disponibilità finanziaria netta ammontava a 5.671 milioni, in diminuzione rispetto ai 6.820 milioni di fine 2020.
L’utile ante imposte è così passato da 773 a 1.088 milioni (+40,8%) e, dopo imposte per 315 milioni (tax rate in lieve diminuzione dal 29,4% al 29%), si è giunti a un utile netto di 772 milioni, il 41,4% in più rispetto ai 546 milioni al 30/6/2020.
Al 30 giugno 2021 il Coefficiente di Solvibilità (Solvency II Ratio) del gruppo Poste Vita era pari al 288%, in salita a fine luglio di ulteriori 6 punti percentuali grazie a un Restricted Tier I intercompany di 300 milioni.
Nel primo semestre 2021 i volumi di corrispondenza sono aumentati del 13,8% a 1.295 milioni di unità e sono stati supportati da prodotti a tariffa più elevata, quelli dei Pacchi del 41,4% a 127 milioni di unità (trainati dal comparto B2C).
La giacenza media dei conti correnti del gruppo è salita del 15,9% a 75,7 miliardi ed il valore medio del risparmio postale è aumentato dell’1% a 319,6 milioni.
I premi lordi del settore assicurativo sono saliti del 33,4% a 10.331 milioni (+33,5% a 10.167 milioni per i Premi Vita e +27,3% a 163 milioni per i Premi Danni).
Le carte Postepay sono salite dello 0,3% a 21,7 milioni di unità (+11,5% a 8,1 milioni di unità per le Postepay Evolution), il totale delle transazioni è balzato del 33,9% a 0,9 miliardi (in particolare +37,1% a 248,1 milioni per le transazioni e-commerce), le SIM e linee fisse sono salite del 5,8% a 4,8 milioni e gli e-wallets digitali del 31,6% a 8,4 milioni.
RISULTATI 2020 - L’esercizio 2020 di Poste Italiane è stato significativamente impattato dalle chiusure decise a fronte dell’emergenza sanitaria Covid-19, ma a partire dal terzo trimestre vi è stata una ripresa.
I ricavi (escluso il saldo della gestione assicurativa) sono scesi del 4% a 10.526 milioni (-4,2% a 10.164 milioni su base normalizzata, dato che esclude le plusvalenze da operatività finanziaria e l’impatto sul fair value delle azioni Visa), in presenza di un calo dell’8,3% a 3.201 milioni per il comparto Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione, sia per effetti permanenti di e-substitution sia in relazione al lockdown.
I volumi di corrispondenza si sono ridotti del 16,7% a 2.250 milioni di pezzi mentre quelli dei pacchi sono balzati del 41,7% a 210 milioni di pezzi, di cui 74 consegnati da postini (+43,6%).
I ricavi da Pagamenti e Mobile sono aumentati dell’11% a 737 milioni, mentre i ricavi da Servizi Finanziari (già al netto degli oneri da operatività finanziaria che sono balzati da 79 a 206 milioni) sono diminuiti del 3,7% a 4.945 milioni (-4,2% a 4.583 milioni su base normalizzata) a causa della sospensione temporanea delle attività commerciali durante il lockdown.
I ricavi assicurativi netti sono diminuiti dell’1,6% a 1.643 milioni, per la contrazione dei premi (-5,9% a 16.865 milioni) e minori rilasci su riserve tecniche.
Al 31/12/2020 il Coefficiente di Solvibilità (Solvency II Ratio) del gruppo Poste Vita era pari al 279% ed il CET I ratio di Bancoposta al 17,8%.
Includendo il saldo assicurativo i ricavi sono diminuiti dell’8,4% a 30.019 milioni.
I costi per consumi di materie prime sono balzati del 31,5% a 163 milioni (ma solo per effetto di costi one-off legati all’emergenza Covid-19); i costi per servizi, che includono la variazione delle riserve tecniche assicurative e oneri relativi a sinistri, sono scesi del 9,5% a 21.549 milioni.
Il costo del lavoro è diminuito del 4,4% a 5.638 milioni, in presenza del resto di un numero di dipendenti passato da 118.523 a 112.709 unità, mentre gli altri costi operativi sono aumentati del 16,1% a 484 milioni.
L’ebitda è nel complesso passato da 2.548 a 2.224 milioni (-12,7%); dopo ammortamenti e svalutazioni scesi da 774 a 700 milioni per la rivisitazione dei criteri di stima di vita utile residua e del valore residuo di alcuni asset immobiliari del gruppo, l’ebit è passato da 1.774 a 1.524 milioni (-14,1%); su base normalizzata sarebbe diminuito da 1.765 a 1.564 milioni (-11,4%).
La perdita operativa del comparto Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione è balzata del 69,5% a 588 milioni (su base normalizzata del 63,5% a 445 milioni), mentre l’utile operativo del comparto Servizi Finanziari è diminuito dell’1% a 866 milioni (su base normalizzata -3,6% a 761 milioni); quello del comparto Pagamenti e Mobile è salito del 7,3% a 259 milioni e quello dei Servizi Assicurativi è diminuito dell’1,8% a 988 milioni.
Il saldo positivo della gestione finanziaria è passato da 144 a 53 milioni; il dato 2019 includeva però proventi da valutazione partecipazioni per ben 111 milioni contro soli 7 milioni nel 2020.
Al 31/12/2020 la disponibilità finanziaria netta ammontava a 6.820 milioni, in aumento rispetto ai 5.667 milioni di fine 2019.
L’utile ante imposte è nel complesso passato da 1.872 a 1.576 milioni (-15,8%) e, dopo imposte per 370 milioni (tax rate in diminuzione dal 28,3% al 23,5%), si è giunti a un utile netto di 1.207 milioni, il 10,1% in meno rispetto ai 1.342 milioni al 31/12/2019.
Su base normalizzata l’utile netto sarebbe diminuito del 9,6% a 1.158 milioni.
Il comparto Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione ha visto salire la perdita netta del 36,8% a 419 milioni, mentre l’utile netto di Pagamenti e Mobile è diminuito del 28,6% a 184 milioni, quello dei Servizi Finanziari si è attestato a 647 milioni (+1,1%, ma -1,4% a 569 milioni su base normalizzata) e quello dei Servizi Assicurativi è salito del 6,4% a 784 milioni.
A fine 2020 le masse gestite ammontavano a 569 miliardi, in aumento di 33 miliardi rispetto a fine 2019 grazie a una raccolta netta retail record di 15 miliardi.
Alla luce dei risultati di Poste Italiane nel 2020, è stato annunciato un dividendo complessivo di 0,486 euro per azione: l’acconto dividendo 2020 di 0,162 euro per azione era stato messo in pagamento dal 25 novembre 2020, mentre il saldo di 0,324 euro per azione è stato messo in pagamento il 23 giugno 2021.
30/6/202130/6/202031/12/202031/12/2019
Avviamento75.00023.00023.00018.000
Attività immateriali----
Immobilizzazioni Materiali3.364.0003.223.0003.334.0003.269.000
Investimenti Immobiliari32.00028.00031.00044.000
Partecipazioni e altre attività finanziarie----
Altre Attività non Correnti----

Totale Attività non Correnti

----
Rimanenze162.000173.000165.000140.000
Crediti Commerciali2.631.0002.334.0002.373.0002.166.000
Altre Attività Correnti----
Liquidità e Disponibilità Finanziarie----

Totale Attività Correnti

----
Attività destinate alla vendita----

Totale Attivo

272.908.000251.202.000272.357.000238.251.000
Capitale Sociale1.306.0001.306.0001.306.0001.306.000
Azioni Proprie40.00040.00040.00040.000
Riserve10.461.0007.056.0009.029.0007.090.000
Utile (Perdite) d'Esercizio772.000546.0001.207.0001.342.000

Patrimonio Netto di Gruppo

12.499.0008.868.00011.502.0009.698.000
Patrimonio netto di Terzi6.0006.0005.000-

Patrimonio netto Complessivo

12.505.0008.874.00011.507.0009.698.000
Debiti Finanziari a Lungo Termine170.504.000161.567.000172.160.000154.225.000
Fondo TFR e altri fondi del personale933.0001.072.0001.030.0001.135.000
Fondo per rischi e oneri530.000471.000625.000501.000
Altre passività non correnti----

Totale Passività non correnti

----
Debiti Finanziari a Breve Termine81.180.00073.082.00079.864.00065.552.000
Debiti Commerciali1.760.0001.486.0001.837.0001.627.000
Altre Passività correnti----

Totale Passività correnti

----
Passività correlate ad attività destinate alla vendita----

Totale passivo

272.908.000251.202.000272.357.000238.251.000
30/6/202130/6/202031/12/202031/12/2019
Ricavi delle vendite e delle prestazioni5.744.0005.083.00030.019.00032.760.000
Altri ricavi----

Totale ricavi

5.744.0005.083.00030.019.00032.760.000
Costo del venduto----
Utile lordo industriale----
Spese generali e amministrative----
Spese di ricerca e sviluppo----
Spese di vendita----
Altri ricavi (costi) operativi netti----
Altri proventi (oneri) non ricorrenti----
Variazione delle rimanenze----
Consumi di materie prime74.00081.000163.000124.000
Costo del personale2.686.0002.619.0005.636.0005.894.000
Costi per servizi1.291.0001.027.00021.549.00023.808.000
Altri costi operativi183.000118.000484.000417.000
Altri proventi non ricorrenti17.00018.00037.00031.000
Altri oneri non ricorrenti60.00095.000--
EBITDA1.467.0001.161.0002.224.0002.548.000
Ammortamenti406.000355.000718.000778.000
Accantonamenti per rischi, oneri e svalutazioni-8.000-16.000-18.000-4.000
EBIT1.049.000766.0001.524.0001.774.000

Saldo gestione finanziaria

38.0008.00053.000144.000
a) Proventi Finanziari58.00051.000108.000101.000
b) Oneri Finanziari32.00032.00062.00068.000
c) Altri Proventi (Oneri) Finanziari12.000-11.0007.000111.000
Ripristini (svalutazioni) / Plusvalenze (Minusvalenze)1.000-1.000-1.000-46.000

Risultato prima delle imposte

1.088.000773.0001.576.0001.872.000
Imposte sul reddito315.000227.000370.000530.000
Risultato netto attività di funzionamento----
Risultato attività destinata a cessare----

Risultato netto

773.000546.0001.206.0001.342.000
Risultato di pertinenza di terzi1.000--1.000-
Risultato di pertinenza del Gruppo772.000546.0001.207.0001.342.000
Kürzlich von Ihnen besucht
BIT
PST
Poste Ital..
Register now to watch these stocks streaming on the ADVFN Monitor.

Monitor lets you view up to 110 of your favourite stocks at once and is completely free to use.

Der Markt LS (Lang&Schwarz) wird als Realtime Indikation kostenlos angezeigt und bietet Ihnen außerbörsliche Realtime Aktienkurse in der Zeit von Mo-Fr 08:00 bis 23:00, Samstags 10:00 bis 13:00 und Sonntags an.
NYSE und AMEX Kurse sind um mindestens 20 Minuten zeitverzögert.
Alle weiteren Kurse sind um mindestens 15 Minuten zeitverzögert, sofern nicht anders angegeben.

Durch das Benutzen des ADVFN Angebotes akzeptieren Sie folgende Allgemeine Geschäftsbedingungen

P: V:de D:20211024 21:24:58