1. Startseite
  2. Investieren
  3. Aktien
  4. Italien
  5. BIT
  6. Unicredit (UCG)
  7. Finanzwerte

Bilancio - Dati Fondamentali UniCredit

Company name:UniCredit
Description:
Il gruppo Unicredit è uno dei principali gruppi finanziari europei, grazie ad una rete di 3.490 filiali (al 31 dicembre 2020) in 16 paesi nel mondo, con una presenza nazionale e internazionale. Il gruppo è organizzato con modello divisionale che si articola nei seguenti settori di attività: - Commercial Banking Italy, costituito dalla rete commerciale di Unicredit Spa e dalle società prodotto Leasing e Factoring, si occupa di fornire prodotti e servizi bancari al segmento retail, ovvero famiglie e piccole imprese, operando tramite una rete di agenzie e i servizi della multicanalità forniti dalle nuove tecnologie; - CEE Division, opera nell’area CEE con una presenza diretta in 15 paesi; - Commercial Banking Germany, serve tutti i cluster di clientela, escluso clienti CIB, offrendo prodotti e servizi bancari; - Commercial Banking Austria, serve tutti i cluster di clientela, escluso clienti CIB, offrendo prodotti e servizi bancari; - CIB, Corporate e Investment Banking, dedicata ai segmenti di clientela multinazionale, large corporate e istituzionale; - Corporate Centre di gruppo che gestisce le attività considerate non strategiche e con un profilo di rischio/rendimento non soddisfacente.
CEO:Andrea OrcelWWW Address:www.unicreditgroup.eu
Chairman:Pietro Carlo PadoanTelephone:02 88621
Address:Piazza Gae Aulenti, 3 - Tower AFax:02 88622802
Stadt:MilanoEmail:investorrelations@unicredit.eu
land:ItaliaISIN:IT0005239360
Postleitzahl:20154
 Price Price Change [%] Bid Offer Volume Hoch Low
 12,89 -0,29 [-2,2%] 12,888 12,894 17.208.500 13,33 12,836
 Eröffn. Prev. Close Market Cap. Shares In Issue VWAP ROE (%) 52-Wks-Range
 13,23 13,18 28.694.809.513 2.226.129.520 13,08 -4,68 7,38-14,47
(at previous day's close)
Yesterday's Close13,18
Market Cap.29.340.387.074
Shares In Issue2.226.129.520
Preferred Shares in issue-
Nonvoting Shares in issue-
Convertible Shares in issue-
Sample PeriodHochLow
1 Woche13,8412,81
4 Wochen14,4712,81
12 Wochen14,4710,39
1 Jahr14,477,38
3 Jahre14,476,01
5 Jahre18,386,01

30/6/202130/6/202031/12/202031/12/2019
Financial & Insurance Margin8.866.0008.385.00016.741.00018.142.000
Group Net Profit1.921.000-2.286.000-2.785.0003.373.000
Customer's Receivables499.500.000531.366.000506.012.000524.794.000
Gross Non-Performing Loans7.110.00010.767.0007.613.00012.491.000
Total Funding931.240.000875.508.000917.946.000842.373.000
Total Net Assets61.803.00061.185.00059.942.00061.785.000
Total Customer Funding603.870.000566.610.000603.274.000569.268.000
RISULTATI AL 30/6/2021 - Brillanti risultati per UniCredit nel secondo trimestre 2021 (e nel complesso del primo semestre), anche perché non più gravato dalle maggiori rettifiche su crediti per la crisi Covid-19.
Nel primo semestre gli interessi netti sono però scesi del 10,2% a 4.421 milioni (-9,6% a cambi costanti), in quanto il periodo continua ad essere caratterizzato da un progressivo calo degli interessi attivi su impieghi a clientela, soprattutto evidente nei Paesi della Divisione CEE, nel CIB e nel Commercial Banking Italia; peraltro sui tassi di quest’ultima divisione hanno influito sia l’effetto dovuto alla diffusione dei prestiti a garanzia statale (che prevedono in genere tassi più favorevoli per la clientela), sia un complessivo ribilanciamento del portafoglio con un calo delle forme tecniche a breve termine, caratterizzate normalmente da una maggiore redditività.
Per contro, le commissioni nette sono aumentate del 12% a 3.367 milioni (+12,3% a cambi costanti), ed in particolare quelle sui servizi di investimento sono balzate del 29,6% (327 milioni in più), grazie principalmente ai prodotti di risparmio gestito; le commissioni su servizi transazionali sono aumentate del 3,3% (34 milioni in più; +3,6% a cambi costanti) soprattutto per effetto di maggiori commissioni su carte, servizi di pagamento e assicurazioni danni, mentre la componente creditizia è salita dello 0,4% (3 milioni in più), sostenuta dalle attività di finanza strutturata e Global Capital Markets della divisione CIB, che hanno controbilanciato le minori commissioni registrate sulle altre divisioni di business.
Nel complesso però il margine di intermediazione primario è lievemente diminuito (-1,8% a 7.788 milioni).
Ma i ricavi da gestione finanziaria sono più che raddoppiati, balzando da 454 a 1.078 milioni; ciò per effetto soprattutto del risultato netto dell’attività di negoziazione, passato da un valore negativo per 364 milioni a uno positivo per 948 milioni in quanto il risultato del primo semestre 2020 aveva risentito dell’andamento negativo dei mercati dovuto al periodo di lockdown a seguito della pandemia.
Ed inoltre i dividendi e proventi simili sono saliti da 132 a 200 milioni, per effetto dei maggiori utili delle società assicurative in Italia e della maggiore redditività delle banche austriache partecipate (in particolare BKS Bank Ag e Oberbank Ag), mentre è diminuito il contributo di Yapi Kredi per effetto delle cessioni perfezionatesi nel primo trimestre 2020.
Così il margine della gestione finanziaria e assicurativa è salito del 5,7% a 8.866 milioni.
Ma soprattutto le rettifiche su crediti sono diminuite da 2.196 a 533 milioni, dato che il primo semestre 2020 aveva risentito di rettifiche per ben 1,2 miliardi a fronte della crisi Covid-19, a seguito dell’aggiornamento in peggio dello scenario macroeconomico IFRS 9 (che invece ha contribuito per 127 milioni al miglioramento del dato del primo semestre 2021) nonché dei peggioramenti di “staging” connessi al deterioramento del rating e delle Probability of Default della clientela.
Pertanto il risultato netto della gestione finanziaria e assicurativa è balzato da 6.179 a 8.332 milioni (+34,8%).
I costi operativi sono poi diminuiti ben del 19,7% a 5.773 milioni, in presenza di un costo del personale sceso ben del 32,1% a 2.977 milioni, del resto in presenza di un numero di dipendenti passato da 83.685 a 80.879 unità ma anche dell’impatto positivo derivante dall’operazione di riacquisto delle passività pensionistiche (Defined Benefit Obligations) lanciata in Austria.
Invece le altre spese amministrative si sono attestate a 1.603 milioni (-0,1%); sono diminuite le spese legate alla pandemia e quelle per servizi di recupero crediti (per effetto dell’azione di riduzione del portafoglio delle esposizioni deteriorate), ma per contro sono aumentate le spese per IT sostenute per nuovi progetti e anche le spese per comunicazione, marketing e pubblicità.
Pertanto il risultato operativo netto è passato da un valore negativo per 1.013 milioni a uno positivo per 2.559 milioni.
Inoltre il primo semestre 2020 risentiva di perdite su partecipazioni per ben 1.521 milioni (riferite all’impatto negativo della valutazione della partecipazione residua in Yapi Kredi), anche se beneficiava di plusvalenze da cessione immobili per 464 milioni.
Il primo semestre 2021 ha evidenziato invece proventi netti per 18 milioni pressochè interamente riferiti alla valutazione a fair value di attività materiali e immateriali.
Da una perdita ante imposte di 2.087 milioni si è quindi passati a un utile ante imposte di 2.577 milioni.
Dopo imposte passate da 190 a 645 milioni (tax rate del primo semestre 2021 pari al 25%) e al netto di una quota di utile di terzi passata da 10 a 12 milioni, si è passati da una perdita netta di 2.286 milioni a un utile netto di 1.921 milioni.
Al 30/6/2021 la banca evidenziava un Common Equity Tier I Ratio “fully loaded” del 15,5%.RISULTATI 2020 - Chiude in rosso UniCredit nell’esercizio 2020, sia per gli effetti delle maggiori rettifiche per la crisi Covid-19 sia per gli oneri legati alla ristrutturazione del gruppo, le perdite legate alle transazioni Yapi Kredi e impairment su avviamenti.
Gli interessi netti sono scesi del 7,5% a 9.497 milioni per effetto dei minori volumi di finanziamenti e del netto calo dell’Euribor.
Le commissioni nette sono anch’esse diminuite del 5,7%, passando da 6.318 a 5.957 milioni (anche in questo caso il lockdown ha inciso negativamente con una minore attività della clientela), il che ha dato luogo a un margine di intermediazione primario in contrazione del 6,9% a 15.454 milioni.
I ricavi della gestione finanziaria si sono ridotti del 17,1% a 1.287 milioni sempre per la minore attività nei confronti della clientela, solo parzialmente compensata dai migliori risultati della tesoreria.
Così nel complesso il margine della gestione finanziaria e assicurativa è passato da 18.142 a 16.741 milioni (-7,7%).
Come già accennato, le rettifiche su crediti sono balzate da 3.489 a 4.656 milioni, tra le quali 572 milioni di effetti regolamentari avversi (inclusa la nuova definizione di default).
I costi operativi sono saliti del 6,8% a 12.885 milioni, con il costo del personale aumentato del 12,1% a 7.388 milioni (i dipendenti del gruppo sono passati da 94.514 a 90.836 unità), in quanto gli oneri di integrazione sono balzati da 664 a 1.464 milioni e sono stati contabilizzati a seguito dell’intesa raggiunta con i sindacati italiani riguardo all’attuazione del programma di riorganizzazione Team 23.
Le altre spese amministrative sono invece diminuite dell’1,7% a 3.223 milioni grazie alla riduzione delle spese per consulenze e viaggi nonché dei costi di recupero crediti nell’area Non Core.
Il risultato operativo netto è comunque passato da un valore positivo per 2.572 milioni a uno negativo per 820 milioni.
Le perdite nette su partecipazioni sono ammontate a 1.297 milioni per effetto delle transazioni Yapi Kredi (per lo più rilascio di riserve negative su cambi).
Da un utile ante imposte di 3.021 milioni si è così passati a una perdita ante imposte di 2.505 milioni.
Dopo imposte passate da 862 a 322 milioni (tax rate 2019 pari al 28,5%) e al netto di una quota di utile di terzi in riduzione da 118 a 7 milioni, si è giunti a una perdita netta di 2.785 milioni, a fronte di un utile netto di 3.373 milioni al 31/12/2019 che includeva 1.332 milioni di plusvalenze per lo più riferite alla cessione delle quote in FinecoBank e Ocean Breeze.
Non considerando in entrambi gli esercizi le voci non ricorrenti (ed in particolare nel 2020 le rettifiche su crediti a copertura dell’impatto economico attuale e futuro del Covid-19), l’utile netto sottostante sarebbe passato da 4,7 a 1,3 miliardi.
UniCredit ha annunciato un monte dividendi “ordinario” di 268 milioni oltre a un buy back di 179 milioni, e successivamente sarà effettuato un ulteriore buy-back straordinario per 652 milioni (dopo il 1° ottobre 2021).
Il dividendo in contanti ammonta a 0,12 euro per azione, in pagamento dal 21 aprile 2021.
Al 31/12/2020 la banca evidenziava un Common Equity Tier I Ratio transitional pro-forma pari al 15,9%, un Tier I Ratio del 18,16% e un Total Capital Ratio del 20,66%.
Il Common Equity Tier I Ratio “fully loaded” era pari al 15,08%.
30/6/202130/6/202031/12/202031/12/2019

Attivo Fruttifero

709.978.000745.943.000708.474.000703.760.000
Crediti verso la clientela499.500.000531.366.000506.012.000524.794.000
Crediti verso banche121.068.000131.749.000117.489.000101.669.000
Attività finanziarie totali89.410.00082.828.00084.973.00077.297.000

Cassa e disponibilità liquide

----

Attività materiali e immateriali

----
Attività materiali----
Attività immateriali----
di cui: Avviamento-878.000-886.000

Attività fiscali

----

Riserve tecniche a carico dei riassicuratori

----

Attività in via di dismissione

----

Altre attività

----

Totale Attivo

950.046.000892.735.000931.456.000855.647.000

Massa Amministrata

931.240.000875.508.000917.946.000842.373.000
a) Patrimonio Netto di Gruppo61.356.00060.748.00059.507.00061.416.000
b) Patrimonio Netto di Pertinenza di Terzi447.000437.000435.000369.000
c) Fondo TFR557.000619.000592.000661.000
d) Passività  Fiscali----
e) Fondi per Rischi e Oneri9.446.0009.953.00010.188.00010.398.000
f) Raccolta Fiduciaria790.621.000731.461.000775.747.000704.840.000
di cui: Debiti verso clientela507.897.000470.708.000500.750.000472.967.000
di cui: Titoli in circolazione----
di cui: Debiti verso banche186.751.000164.851.000172.473.000135.572.000
g) Passività  finanziarie totali----
Riserve tecniche----

Passività di attività in via di dismissione

----

Altre passività

----

Totale passivo

950.046.000892.735.000931.456.000855.647.000
30/6/202130/6/202031/12/202031/12/2019
Margine interesse4.421.0004.924.0009.497.00010.272.000
Commissioni nette3.367.0003.007.0005.957.0006.318.000
Premi netti----
Saldo proventi (oneri) assicurativi----
Risultato netto gestione assicurativa----

Margine intermediazione primario

7.788.0007.931.00015.454.00016.590.000
A) Proventi / oneri su attività passività finanziarie----
a) Dividendi e Proventi Simili200.000132.000208.000295.000
b) Risultato Netto Attività di Negoziazione----
c) Risultato Netto Attività di Copertura----
B) Utile (perdita) da cessione o riacquisto181.000247.000230.000287.000
C) Risultato netto delle attività / passività finanziarie al fair value----
a) Risultato netto attività valutate al fair value----
b) Risultato netto passività valutate al fair value----

Ricavi gestione finanziaria (A+B+C)

1.078.000454.0001.287.0001.552.000

Margine gestione finanziaria e assicurativa

8.866.0008.385.00016.741.00018.142.000
Rettifiche / riprese di valore nette per deterioramento di:-533.000-2.196.000-4.656.000-3.489.000
a) Crediti----
b) Altre Attività Finanziarie----
Risultato netto gestione finanziaria e assicurativa8.332.0006.179.00012.065.00014.633.000

Costi operativi

5.773.0007.192.00012.885.00012.061.000
a) Spese Amministrative5.303.0006.641.00011.479.00010.684.000
di cui: Spese per il Personale2.977.0004.386.0007.388.0006.588.000
b) Rettifiche di Valore su Attività Materiali----
c) Rettifiche di Valore su Attività Immateriali----
d) Accantonamenti per Rischi e Oneri-141.000-167.000-488.000-103.000
e) Altri Proventi (Oneri) di gestione291.000341.000513.000897.000

Risultato operativo netto

2.559.000-1.013.000-820.0002.572.000

Altri proventi (oneri)

18.000-1.074.000-1.685.000449.000
a) Utili (Perdite) delle Partecipazioni-2.000-1.521.000-1.297.000316.000
b) Risultato Netto Valutazioni al Fair Value Attvità Materiali e Immateriali----
c) Rettifiche di Valore dell'Avviamento--8.000-886.000-
d) Utili (Perdite) Cessione di Investimenti1.000464.000488.000129.000
Utile (perdita) atitività corrente al lordo delle imposte----
Imposte645.000190.000322.000862.000
Utile (perdita) attività corrente al netto delle imposte----
Utile (perdita) netto attività in dismissione----
Utile (perdita) netto del periodo1.933.000-2.276.000-2.778.0003.491.000
Utile (perdita) di pertinenza di terzi12.00010.0007.000118.000
Utile (perdita) netto del Gruppo1.921.000-2.286.000-2.785.0003.373.000
Kürzlich von Ihnen besucht
BIT
UCG
Unicredit
Register now to watch these stocks streaming on the ADVFN Monitor.

Monitor lets you view up to 110 of your favourite stocks at once and is completely free to use.

Der Markt LS (Lang&Schwarz) wird als Realtime Indikation kostenlos angezeigt und bietet Ihnen außerbörsliche Realtime Aktienkurse in der Zeit von Mo-Fr 08:00 bis 23:00, Samstags 10:00 bis 13:00 und Sonntags an.
NYSE und AMEX Kurse sind um mindestens 20 Minuten zeitverzögert.
Alle weiteren Kurse sind um mindestens 15 Minuten zeitverzögert, sofern nicht anders angegeben.

Durch das Benutzen des ADVFN Angebotes akzeptieren Sie folgende Allgemeine Geschäftsbedingungen

P: V:de D:20220124 14:56:41