Bilancio - Dati Fondamentali Italgas

Company name:Italgas
Description:
Italgas opera nel settore del gas e in particolare nelle attività regolate di distribuzione e misura, con una posizione di leadership sul mercato nazionale nella distribuzione di gas naturale. L’attività di distribuzione avviene attraverso la gestione integrata delle infrastrutture che consentono di prelevare il gas dalla rete nazionale di trasporto e di riconsegnarlo ai clienti finali, domestici e industriali. Italgas è il primo operatore in Italia e il terzo in Europa, con una quota pari a circa il 35% del mercato della distribuzione del gas cittadino. Il gruppo gestisce a fine 2020 71.185 Km di rete, e oltre 7,7 milioni di punti di riconsegna del gas, serviti in più di 1.800 comuni. Nel 2020 ha distribuito 8.477 milioni di metri cubi di gas.
CEO:Paolo GalloWWW Address:www.italgas.it
Chairman:Alberto Dell'AcquaTelephone:02 81872175
Address:Via Carlo Bo, 11Fax:02 81872292
Stadt:MilanoEmail:annamaria.scaglia@italgas.it
land:ItaliaISIN:IT0005211237
Postleitzahl:20143
 Price Price Change [%] Bid Offer Volume Hoch Low
 5,492 0,074 [1,37%] 5,492 5,496 593.293 5,498 5,428
 Eröffn. Prev. Close Market Cap. Shares In Issue VWAP ROE (%) 52-Wks-Range
 5,43 5,418 4.447.247.800 809.768.354 5,46 22 4,76-6,02
(at previous day's close)
Yesterday's Close5,418
Market Cap.4.387.324.942
Shares In Issue809.768.354
Preferred Shares in issue-
Nonvoting Shares in issue-
Convertible Shares in issue-
Sample PeriodHochLow
1 Woche5,505,36
4 Wochen5,795,36
12 Wochen6,025,36
1 Jahr6,024,76
3 Jahre6,294,05
5 Jahre6,293,10

30/6/202130/6/202031/12/202031/12/2019
Sales and Services Revenue1.017.556947.4242.058.4421.820.020
EBITDA498.799471.5561.047.475923.823
EBIT279.410254.020603.299516.042
Group Result171.174154.291382.972417.238
Net Result180.034163.706403.626423.599
Cash Flow----
Total Net Assets1.918.7271.731.5501.981.0421.794.939
Net Financial Position-4.806.931-4.701.266-4.736.405-4.485.298
RISULTATI AL 30 GIUGNO 2021 – Positivi e in ulteriore crescita i risultati del gruppo Italgas nel primo semestre 2021.
I ricavi totali (inclusi gli effetti dell’Ifric 12 “Accordi per servizi in concessione” in aumento da 322,6 a 373,6 milioni) sono saliti del 7,4% a 1.017,6 milioni, mentre al netto di tali effetti sono aumentati del 2,9% a 665,4 milioni, ed in particolare i ricavi regolati di distribuzione gas sono aumentati del 2,6% a 642,2 milioni (quelli di vettoriamento sono saliti dello 0,9% a 595,5 milioni grazie all’evoluzione delle componenti tariffarie – specie la variazione in aumento della RAB, del deflatore e del contributo degli investimenti in Sardegna - al netto delle rettifiche relative agli esercizi precedenti, e gli altri ricavi regolati distribuzione gas sono aumentati ben del 30,1% a 46,7 milioni per effetto del contributo ex art.
57 della delibera ARERA n.
367/14 relativo alla sostituzione di misuratori tradizionali con quelli elettronici (salito da 5,2 a 6,1 milioni), maggiori ricavi per prestazioni verso clienti (9,8 milioni) e maggiori incentivi ARERA (1,1 milioni), in parte compensati da minori ricavi per morosità complessa (1 milione).
Gli altri proventi sono aumentati del 5,5% a 31,3 milioni, per effetto di maggiori rimborsi riconosciuti dall’Autorità connessi al raggiungimento di standard qualitativi e tecnici relativi al servizio di distribuzione del gas naturale.
I costi per consumi di materie prime sono saliti ben dell’11,4% a 66,4 milioni, mentre il costo del personale si è attestato a 125,7 milioni (+1,5%), del resto in presenza di un numero di dipendenti passato da 4.041 a 3.930 unità.
Per contro i costi per servizi sono aumentati ben del 12,6% a 298,4 milioni, soprattutto per maggiori costi per progettazione direzione lavori e manutenzioni impianti (relativi essenzialmente all’attività di estensione e manutenzione degli impianti di distribuzione gas) e maggiori costi per consulenze e prestazioni professionali.
Gli altri costi operativi sono saliti del 4,3% a 60 milioni.
Nel complesso l’ebitda è passato da 471,6 a 498,8 milioni (+5,8%), e dopo ammortamenti e svalutazioni in lieve aumento da 217,5 a 219,4 milioni l’ebit ha raggiunto 279,4 milioni (+10%).
Gli oneri finanziari netti sono saliti da 25,2 a 31 milioni; di questi però 6,4 milioni non sono ricorrenti in quanto relativi all’operazione di buy-back obbligazionario conclusa nel mese di febbraio 2021.
Al 30/6/2021 l’indebitamento finanziario del gruppo ammontava a 4.806,9 milioni, in aumento rispetto ai 4.736,4 milioni di fine 2020; nel periodo sono stati effettuati investimenti tecnici per 420,4 milioni, di cui 347,9 in distribuzione, 37,1 di misura e 35,4 di altro tipo (rispettivamente 279,8, 53,1 e 35,7 milioni nel primo semestre 2020), ed il flusso di cassa da attività operative è stato positivo per 549,7 milioni.
Gli investimenti in digitalizzazione (inclusi fra quelli di distribuzione) sono balzati da 35,6 a 67,8 milioni e si riferiscono all’installazione di dispositivi digitali per l’acquisizione dei dati per il controllo e monitoraggio della rete di distribuzione e degli impianti.
I proventi netti su partecipazioni sono scesi da 1,2 a 0,9 milioni, portando l’utile ante imposte a 248,7 milioni (+8,8%).
Su base rettificata degli oneri finanziari non ricorrenti l’utile ante imposte sarebbe salito dell’11,6% a 255,1 milioni.
Dopo imposte per 68,7 milioni (tax rate sceso dal 28,4% al 27,6%) e lo scomputo di una quota di utile di pertinenza di terzi passata da 9,4 a 8,9 milioni, l’utile netto è passato da 154,3 a 171,2 milioni (+10,9%); su base adjusted sarebbe salito del 14,1% a 176,1 milioni.
La rete di distribuzione gas del gruppo al 30/6/2021 era di 73.589,67 Km, con 7,745 milioni di contatori attivi (su un totale di 8,708 milioni di contatori installati) in 1.888 Comuni in concessione (di cui 1.807 in esercizio), e gas vettoriato per 4.868,39 milioni di metri cubi.
Risultati 2020 – Sono positivi i risultati del gruppo Italgas nel 2020, esercizio che recepisce l’effetto dell’aggiornamento della metodologia di calcolo dei contributi sui misuratori ex.
art.
57, da cui scaturiscono maggiori ricavi per 108,4 milioni (ma anche maggiori costi per oneri one-off per 51,9 milioni).
I ricavi complessivi sono saliti del 12,4%, passando da 1.893,4 a 2.217,3 milioni; in tale ambito quelli regolati di distribuzione gas sono aumentati del 15,5% a 1.394,6 milioni, grazie in parte a un incremento del 6,7% a 1.183,7 milioni dei ricavi da vettoriamento, per la variazione del perimetro di consolidamento con le acquisizioni in Sardegna e centro-sud Italia, nonché il consolidamento integrale dal 1° maggio 2019 di Toscana Energia e all’evoluzione delle tariffe, pur in presenza di minori conguagli tariffari su anni precedenti e da modifiche introdotte dalla Delibera 570/2019/R/gas.
Incrementano poi del 4,5% a 102,2 milioni gli altri ricavi regolati distribuzione gas.
A tutto questo si aggiungono ulteriori ricavi pari a 108,4 milioni emersi dall’aggiornamento della metodologia di calcolo dei contributi sui misuratori ex.
art.
57; escludendo tale componente, i ricavi regolati da distribuzione gas risulterebbero in aumento del 6,5% a 1.285,9 milioni.
I ricavi diversi si sono attestati a 47,9 milioni (-6,2%), in presenza di minori plusvalenze da cessione di asset, passate da 11,1 a 5 milioni, in parte controbilanciate da maggiori vendite di GPL e aria propanata in Sardegna (2,7 milioni).
I costi operativi sono saliti in misura superiore ai ricavi (+18,2% a 414,3 milioni), appesantiti dalla variazione del perimetro di consolidamento, ma soprattutto dalla presenza di special item pari a 51,9 milioni, relativi sostanzialmente ai piani di incentivazione all’esodo del personale (13 milioni) e agli accantonamenti per i misuratori con anomalie (38,5 milioni).
In particolare i costi per consumi di materie prime sono diminuiti del 13,4% a 123,9 milioni, ma quelli del personale sono saliti del 12% a 268,2 milioni (anche se il numero medio dei dipendenti è passato da 4.069 a 4.031 unità), i costi per servizi dell’11% a 536,2 milioni e gli altri costi operativi, appesantiti da quelli non ricorrenti, ben del 44,3% a 152,2 milioni.
L’ebitda è così passato da 923,8 a 1.047,5 milioni (+13,4%); su base adjusted l’incremento sarebbe stato del 7% a 971,4 milioni.
Gli ammortamenti e svalutazioni sono aumentati da 407,8 a 444,2 milioni, per effetto degli investimenti del periodo (32,4 milioni per il primo consolidamento di Toscana Energia e 27,6 per maggiori investimenti, inclusi quelli ex IFRS 16), mentre sono scesi gli ammortamenti legati alla sostituzione dei misuratori tradizionali con “smart meter” (passati da 44,6 a 17,7 milioni).
In ogni caso l’ebit è passato da 516 a 603,3 milioni (+16,9%); su base adjusted sarebbe salito del 6% a 546,8 milioni.
Gli oneri finanziari netti sono lievemente diminuiti da 54,4 a 47,7 milioni; il dato 2019 includeva 18,3 milioni da considerarsi “special item” in quanto legati all’operazione di buy-back obbligazionario conclusa nel dicembre 2019.
Al 31/12/2020 l’indebitamento finanziario netto ammontava a 4.736,4 milioni, a fronte dei 4.485,3 milioni di fine 2019.
Nel 2020 il gruppo ha sostenuto investimenti per 777,5 milioni (il 5,1% in più rispetto ai 740 milioni del 2019), di cui 569 (+22,9%) destinati alla distribuzione, principalmente per lo sviluppo e il rinnovo di tratte di tubazioni e la digitalizzazione (455,8 milioni) e 113,1 a nuove reti, per lo più in Sardegna.
Gli investimenti di misura si riferiscono essenzialmente al piano di sostituzione dei misuratori tradizionali con quelli “intelligenti” e sono diminuiti da 179,5 a 120,8 milioni (-32,7%).
Gli altri investimenti sono passati da 97,5 a 87,7 milioni, di cui 26,5 (erano 39,4 milioni nel 2019) riferiti ai contratti di locazione contabilizzati ai sensi dell’IFRS 16.
Il 2019 aveva beneficiato di 85,9 milioni di “special item” riferiti alla rideterminazione del valore della partecipazione in Toscana Energia a seguito dell’acquisizione del controllo.
Nonostante l’assenza di tale provento nel 2020, l’utile ante imposte è nel complesso aumentato dell’1,5% a 555,6 milioni (+4% a 499,1 milioni su base adjusted).
Ma dopo imposte per 152 milioni (tax rate in aumento dal 22,6% al 27,4%) e l’imputazione a terzi di una quota di utile di competenza balzata da 6,4 a 20,6 milioni, l’utile netto si è attestato a 383 milioni, in calo dell’8,2% rispetto ai 417,2 milioni dell’anno prima; su base adjusted si sarebbe rimasto sostanzialmente stabile a 345,4 milioni (+0,1%).
Il dividendo ammonta a 0,277 euro per azione, in pagamento il 26 maggio 2021.
30/6/202130/6/202031/12/202031/12/2019
Avviamento68.00567.04967.43868.654
Attività immateriali----
Immobilizzazioni Materiali374.562357.206369.899350.001
Investimenti Immobiliari----
Partecipazioni e altre attività finanziarie----
Altre Attività non Correnti----

Totale Attività non Correnti

----
Rimanenze114.62273.729101.18452.295
Crediti Commerciali377.070276.001462.174474.035
Altre Attività Correnti----
Liquidità e Disponibilità Finanziarie----

Totale Attività Correnti

----
Attività destinate alla vendita----

Totale Attivo

9.094.5608.326.4529.129.0098.232.454
Capitale Sociale1.002.0161.001.2321.001.2321.001.232
Azioni Proprie----
Riserve517.544356.078356.697141.911
Utile (Perdite) d'Esercizio171.174154.291382.972417.238

Patrimonio Netto di Gruppo

1.690.7341.511.6011.740.9011.560.381
Patrimonio netto di Terzi227.993219.949240.141234.558

Patrimonio netto Complessivo

1.918.7271.731.5501.981.0421.794.939
Debiti Finanziari a Lungo Termine5.301.1604.734.8384.707.1454.171.497
Fondo TFR e altri fondi del personale100.024110.612104.622113.197
Fondo per rischi e oneri185.637167.016202.617169.563
Altre passività non correnti----

Totale Passività non correnti

----
Debiti Finanziari a Breve Termine195.799315.581698.406581.157
Debiti Commerciali308.848207.015303.021299.090
Altre Passività correnti----

Totale Passività correnti

----
Passività correlate ad attività destinate alla vendita----

Totale passivo

9.094.5608.326.4529.129.0098.232.454
30/6/202130/6/202031/12/202031/12/2019
Ricavi delle vendite e delle prestazioni1.017.556947.4242.058.4421.820.020
Altri ricavi31.28429.64568.84473.419

Totale ricavi

1.048.840977.0692.127.2861.893.439
Costo del venduto----
Utile lordo industriale----
Spese generali e amministrative----
Spese di ricerca e sviluppo----
Spese di vendita----
Altri ricavi (costi) operativi netti----
Altri proventi (oneri) non ricorrenti----
Variazione delle rimanenze----
Consumi di materie prime66.37659.567123.896143.054
Costo del personale125.651123.789268.164239.544
Costi per servizi298.369264.955536.240483.089
Altri costi operativi60.01757.573152.162105.471
Altri proventi non ricorrenti3723716511.542
Altri oneri non ricorrenti----
EBITDA498.799471.5561.047.475923.823
Ammortamenti218.912217.033443.243405.873
Accantonamenti per rischi, oneri e svalutazioni4775039331.908
EBIT279.410254.020603.299516.042

Saldo gestione finanziaria

-31.024-25.244-47.743-54.412
a) Proventi Finanziari2.0793455.2981.315
b) Oneri Finanziari34.04026.75354.50770.610
c) Altri Proventi (Oneri) Finanziari9371.1641.46614.883
Ripristini (svalutazioni) / Plusvalenze (Minusvalenze)307-1344985.897

Risultato prima delle imposte

248.693228.642555.605547.527
Imposte sul reddito68.65964.936151.979123.928
Risultato netto attività di funzionamento----
Risultato attività destinata a cessare----

Risultato netto

180.034163.706403.626423.599
Risultato di pertinenza di terzi8.8609.41520.6546.361
Risultato di pertinenza del Gruppo171.174154.291382.972417.238
Kürzlich von Ihnen besucht
BIT
IG
Italgas
Register now to watch these stocks streaming on the ADVFN Monitor.

Monitor lets you view up to 110 of your favourite stocks at once and is completely free to use.

Der Markt LS (Lang&Schwarz) wird als Realtime Indikation kostenlos angezeigt und bietet Ihnen außerbörsliche Realtime Aktienkurse in der Zeit von Mo-Fr 08:00 bis 23:00, Samstags 10:00 bis 13:00 und Sonntags an.
NYSE und AMEX Kurse sind um mindestens 20 Minuten zeitverzögert.
Alle weiteren Kurse sind um mindestens 15 Minuten zeitverzögert, sofern nicht anders angegeben.

Durch das Benutzen des ADVFN Angebotes akzeptieren Sie folgende Allgemeine Geschäftsbedingungen

P: V:de D:20211020 11:29:33